homepage organi commissioni albo normativa circolari formazione ed eventi archivio eventi link utili contatti
Fondazione Dott. Comm.listi
Fondazione
Bandi e Concorsi
Bandi e Concorsi
Disponibili al praticantato
Disponibili al Praticantato
Modello Privacy
Modello informativa Privacy
Modulistica
Albo-Elenco Speciale
Registro Praticanti
Società tra Prof.
Liquidazione Parcelle
Sigillo Bronzo
Lista disponibili
Formazione Prof.le Continua
Archivio documenti
Documenti disponibili
Sovraindebitamento
OCC PU, AN, AP
Rassegna stampa
2018
2017
2016
-
URP
Privacy e Cookie Policy
Note Legali
Elenco siti tematici
Adempimenti ANAC
Contratti di forniture
Accesso civico
Accesso civico/generalizzato
Stakeholders
Scuola praticanti
Documenti 2019/20
Documenti 2018/19
Documenti 2017/18
Documenti 2016/17
Documenti 2015/16
Documenti 2014/15
Documenti 2013/14
Amministrazione Trasparente Whistleblowing



rassegna stampa novità fiscali scadenze fiscali
L’Europa: ‘Rischi sul debito Attuare il Pnrr è cruciale’
Francesca Basso - Corriere della Sera - pag. 2
Bruxelles guarda con grande attenzione al debito pubblico italiano e alle misure da prendere per una crescita sostenibile. La sospensione del patto di Stabilità anche per il 2023 non è un ‘liberi tutti’ ha detto il vicepresidente della Commissione europea, Valdis Dombrovskis. L’Italia, nel 2023, dovrà garantire ‘una politica fiscale prudente, in particolare limitando l’aumento della spesa corrente al di sotto della crescita potenziale di medio termine, tenendo conto del sostegno temporaneo e mirato alle famiglie e alle aziende più vulnerabili per la corsa dei prezzi dell’energia e ai rifugiati ucraini’. Ma deve anche essere ‘pronta ad aggiustare l’attuale spesa all’evoluzione della situazione’. Inoltre Roma deve ‘espandere gli investimenti pubblici per la transizione verde e digitale e per la sicurezza energetica’, anche facendo ricorso al Pnrr, a RePowerEU e agli altri fondi Ue. Dopo il 2023 l’Italia dovrà proseguire ‘una riduzione credibile e graduale del debito e la sostenibilità di bilancio nel medio termine’ attraverso un consolidamento graduale, investimenti e riforme. La riduzione delle tasse sul lavoro va attuata con una riforma fiscale che rivede le aliquote marginali effettive, allinea i valori catastali a quelli di mercato e riduce le agevolazioni fiscali anche per l’Iva. (Ved. anche Il Sole 24 Ore: ‘Patto ancora sospeso, ma contenere la spesa Nel 2023 possibili procedure di deficit’ - pag. 2)

| © Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili | codice fiscale: 92040340413 | Dichiarazione di accessibilità | site by metaping | admin |